Non ci sono eventi per i prossimi giorni
 

Vita da Strega

 Registrazioni chiuse
 
0
Ennio-Flaiano-e-maria-bellonci-vita-da-strega_jvlastnews_thumb
Categoria
Mostre
Data
5 Settembre 2016 18:00

Un pezzo di vita italiana. Un pezzo della vita culturale italiana. Che anno dopo anno, dal 1947, vede in campo i maggiori scrittori italiani. E’ il Premio Strega. E “Vita da Strega” è l’evento che svela la storia del riconoscimento letterario italiano più ambito attraverso le straordinarie foto, alcune inedite, dell’Archivio Riccardi.

Le storiche immagini sono opera di Carlo Riccardi. Fra i volti in bianco e nero dell’Archivio diretto dal fotografo Maurizio Riccardi, proposti con la regia di Giovanni Currado, non poteva mancare il primo vincitore Ennio Flaiano con “Tempo di uccidere” (Longanesi). Così come, tra il pubblico attento, acconciature e abiti datati, sostenitori in azione, negli scatti dei decenni passati visibili nello Spazio5 ci sono suoi “successori” come una misurata Elsa Morante, un annoiato Alberto Moravia o Giorgio Bassani in veste di giurato. Per non parlare di Raffaele la Capria in posa sfoderando l’assegno da un milione. E poi si “scoprono” in situazioni insolite Pier Paolo Pasolini e Giuseppe Ungaretti.
Sono nomi che fanno capolino nella conversazione di Roberto Ippolito. Segnano 65 anni dell’editoria italiana e sono testimoni del proprio tempo.

La “vita da Strega” degli scrittori è la vita di Maria e Goffredo Bellonci creatori del Premio, nell’ambito del loro salotto letterario, con il contributo di Guido Alberti, proprietario dell’azienda produttrice del liquore Strega, sponsor da sempre. L’Archivio Riccardi (che vanta circa un milione di scatti) con le foto in mostra conduce al Ninfeo di Villa Giulia dove si assegna il premio e dentro casa Bellonci dove ancora oggi si svolge la selezione della cinquina che si contende il riconoscimento. Così è possibile, con il lavoro di Carlo Riccardi, vedere gli scaffali zeppi di libri, le terrazze animate anche dai personaggi dello spettacolo come Anna Magnani, Alberto Sordi, Sylva Koscina e Marcello Mastroianni, gli ambienti inverosimilmente stipati di persone. 
E poi c’è la lavagna. La mitica lavagna sulla quale viene segnato il risultato dei candidati dopo ogni pacchetto di voti scrutinati. La mostra delle foto dell’Archivio Riccardi è un tuffo nelle gare del passato. Ma dietro quella lavagna, immancabili, ci sono le polemiche sulla composizione della giuria, i 400 letterati e lettori che formano gli Amici della domenica, come sul dominio dei grandi gruppi editoriali.

 
 

Altre date

  • 5 Settembre 2016 18:00

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la navigazione. Utilizzando il sito si intende accettata la To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

  I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk